Task Analysis

Oggi parliamo di TASK ANALYSIS.
Quando le procedure da apprendere sono complesse e richiedono una sequenza di azioni, è molto utile scomporre la procedura in sotto-componenti e rendere queste componenti visive: per questo creaimo una task analysis visiva!

Ad esempio nel caso di lavarsi i denti le sotto-componenti potrebbero essere: prendo lo spazzolino, tolgo i tappo, poso lo spazzolino, prendo il dentifricio, apro il tappo del dentifricio, lo poso, prendo lo spazzolino, metto il dentifricio… Come potete notare una procedura per noi banale può essere complessa da apprendere perché richiede molti passaggi.

Come sempre, il supporto visivo deve essere personalizzato sul bambino!
A volte utilizziamo foto molto grandi, a volte simboli; talvolta è necessario segnalare anche il più piccolo passaggio (come nell’esempio riportato sopra), altre volte è sufficiente riportare i passaggi-chiave…

Spesso l’obiettivo a lungo termine è eliminare la Task Analysis visiva: quando il bambino ha ripetuto la procedura molte volte, potrebbe averla appresa e automatizzata e non avere più necessità del supporto visivo!

Le immagini da utilizzare possono essere simboli, fotografie, disegni; possono avere dimensioni molto diverse; possono essere disposte in orizzontale (se si vuole sfruttare la linea di lettura da sinistra a destra) o in verticale; anche il materiale può essere differente a seconda dell’ambiente in cui deve essere disposto!

L’utilizzo di una TASK ANALYSIS visiva è strettamente correlato a alle procedure di insegnamento che riguardano soprattutto le autonomie: in alcuni casi è necessario allenare una abilità specifica in contesto strutturato e con materiale specifico, ma l’obiettivo deve sempre essere l’allenamento in ambiente ecologico, ovvero nei contesti di vita reali del bambino, in cui quella abilità è utile a soddisfare un suo bisogno o una sua volontà (esempio: imparo a svitare il tappo della bottiglia, così posso versarmi da bere quando ho sete).

Voi utilizzate le TASK ANALYSIS VISIVE? Se sì, come le costruite?

Credit: Autismo: SOS Quarantena, un’iniziativa di Francesca Lombardo, Elena Saorin, Federica Nebbia, Lucia Longo.
Contatti : autismososquarantena@gmail.com  https://www.facebook.com/AutismoSosQuarantena/

Related Articles

Responses

Rispondi